La Riserva naturale di ripopolamento animale delle Saline

Oltre ad essere un’importante testimonianza storico-culturale, le Saline di Tarquinia sono soprattutto la dimostrazione della positiva interazione tra uomo e natura che nel corso del tempo ha dato origine ad un habitat unico per le condizioni chimico-fisiche e valenza ecologica. Infatti, bacini e canali, seppur realizzati dall’uomo per le proprie esigenze produttive, sono divenuti nel corso del tempo un ambiente umido di notevole importanza naturalistica.

La salinità delle acque ha dato origine ad un ecosistema ricco di vita. Lungo i bordi delle vasche e sui terrapieni è possibile osservare specie vegetali ormai rare nel resto della Regione Lazio. Queste specie, insieme ad altre tipiche degli habitat salmastri costieri, costituiscono la vegetazione tipica delle saline, dando origine a due distinti habitat di interesse comunitario, definiti in base alla Direttiva Habitat “Prateria e fruticeti alofili e termo-atlantici” e “Vegetazione pioniera a Salicornia e dalle altre specie annuali delle zone fangose o sabbiose”.

Gli altri habitat vegetali segnalati sono “Dune con prati dei Brachiopodetalia e vegetazioni annuali” e “Pascoli inondati mediterranei (Juncetalia maritimi)”. L’ambiente acquatico, sebbene sia costituito da vasche di limitate dimensioni e con condizioni ecologiche altamente variabili, ospita una fauna piuttosto diversificata, composta da specie eurialine ed euriterme. L’importanza scientifica e naturalistica del sito è legata alla presenza di varie specie di uccelli migratori, i quali frequentano le saline come luogo di svernamento o di sosta durante i flussi migratori autunnali e primaverili. Almeno 56 specie sono state identificate durante i periodo migratori.

L'impianto

Il complesso si estende per circa 193 ettari, a ridosso della linea di costa di Tarquinia. Il 70% della superficie è occupato dall’impianto per la produzione del sale che è costituito per lo più da vasche a pianta rettangolare, delimitate da argini di pietra o legno e di modesta profondità (circa 30-80 cm). Fino a quando il sistema era funzionante, l’acqua marina passava da una concentrazione salina equivalente a quella del mare fino al punto di precipitazione del cloruro di sodio, passando per mezzo di un complesso reticolo di canali che circondano le vasche e che attingevano acqua marina da una grossa saracinesca in legno manovrata da un volantino in ferro. La salina, ancora oggi, mantiene la comunicazione col mare mediante due canali, pur essendo circondata da un canale che percorre tutto il perimetro che ha il compito di isolare le vasche da acque provenienti da campi limitrofi.

PATRIMONIO STORICO: ex impianto di produzione del sale

Il suggestivo Borgo "le Saline di Tarquinia", sede del C.I.S.Mar., è un ex impianto per l’estrazione del sale dall’acqua marina, sottoposto a vincolo di tutela ambientale a partire dal 1980 con l’istituzione della "Riserva Naturale di Popolamento Animale", adiacente all’antico porto di Gravisca (risalente intorno al VII secolo). Il reticolo di vasche, canali e prese a mare rappresentano una rilevante testimonianza storica dell’attività lavorativa del sale nel passato che ha avuto inizio presumibilmente nell’età del ferro ma la cui costruzione ha avuto una decisiva spinta nel XIX secolo, sotto lo Stato Pontificio, e si è protratta per un centinaio di anni. Dopo l’unità d’Italia, la gestione delle saline è passata in mano al Monopolio di Stato che ha assunto nuovi operai. La lavorazione ha occupato fino a 70 operai per una produzione media che, nel 1981, era di 80.000 quintali. La minore redditività delle saline italiane rispetto alle altre situate sulle coste mediterranee, la limitata estensione e la difficoltà nell’adattare nuovi processi di lavorazione all’impianto di Tarquinia, hanno portato, nel 1997, alla cessazione delle attività estrattive arrecando problemi di tipo gestionale, economico e di tutela ambientale.

Scarpe calcio scontatemigliori repliche orologi Coppa Europa maglie calcioFrancia Bambino maglie calciomaglie calcio a poco prezzomaglie di calcio spagna